800687197

Dati e Analisi

28 Agosto 2020

Il rapporto AIFA sul consumo di farmaci durante l’epidemia

ecommerce farmacia

L’epidemia di COVID-19 e il conseguente lockdown nei primi mesi del 2020 ha innescato un profondo cambiamento nelle abitudini degli italiani, che si è ripercosso anche sui comportamenti di acquisto.

Per quanto riguarda la farmacia si è potuta osservare una forte crescita del canale online, ma il consumo di farmaci è stato ugualmente influenzato dall’emergenza sanitaria?

Per rispondere a questa domanda l’AIFA (Agenzia Italiana del Farmaco) ha pubblicato il Rapporto sull’uso dei farmaci durante l’epidemia di COVID-19 sulla base di dati OsMed (Osservatorio Nazionale sull’Impiego dei Medicinali) con l’obiettivo di capire come il SSN e i cittadini hanno reagito per fronteggiare il virus.

Per questo motivo il rapporto si suddivide in tre sezioni, in base alle modalità di erogazione del farmaco: medicinali acquistati e dispensati dalle strutture del SSN, medicinali acquistati nelle farmacie e rimborsati dal SSN tramite ricetta, e medicinali a carico dei cittadini.

A livello ospedaliero è cresciuto sensibilmente l’impiego di antivirali, anche se non direttamente destinati al COVID-19 come quelli per l’HIV, anti-retrovirali, idrossiclorochina (antimalarico), azitromicina (antibiotico), inibitori interluchina 6, ossigeno, anestetici generali, sedativi e curari iniettivi; vari medicinali sono stati utilizzati a titoli differenti (sperimentazioni, off-label, uso compassionevole) riflettendo i progressi dell’epidemia, dei riscontri clinici e delle ricerche.

Le farmacie sono state un importante baluardo del SSN durante l’epidemia, grazie alla loro presenza capillare e alla possibilità di offrire sia i prodotti che la consulenza per fronteggiare la crisi sanitaria.

In primo luogo, hanno svolto un ruolo cruciale per l’aderenza terapeutica e la cura dei malati cronici: in congiunzione con l’introduzione dell’estensione della ricetta per le malattie in questione e più in generale della ricetta elettronica, è stato possibile mantenere stabile la vendita di questi farmaci durante il lockdown dopo un iniziale rallentamento a febbraio e quindi tutelare i cittadini più fragili.

È stato registrato così un incremento dei consumi rispetto al pre COVID-19 di anticoagulanti, antipsicotici, antidiabetici e antiaggreganti piastrinici: i picchi su antipsicotici e antidepressivi corrispondono con l’inizio del lockdown, per contrastare gli effetti psicologici legati alla quarantena e al diffondersi del virus.

La farmacia ha anche permesso di diffondere farmaci utilizzabili per il trattamento del COVID-19 e/o associati a studi sperimentali quali idrossiclorochina, colchicina, eparine e azitromicina.

Per quanto riguarda gli acquisti a titolo privato in farmacia, ritroviamo l’idrossiclorochina, affiancata da prodotti contenenti Vitamina C e Vitamina D, e ansiolitici per uso non parentale.

L’utilizzo di medicinali e integratori ricchi di queste vitamine è correlato alla diffusione di varie notizie, generalmente infondate, sulla loro efficacia contro il virus: dando il beneficio del dubbio, si può comunque considerare che la Vitamina C è nota per rafforzare il sistema immunitario, quindi parte di questi acquisti possono essere stati preventivi piuttosto che terapeutici.

Gli ansiolitici rientrano invece nella difesa psicologica dalle conseguenze del lockdown e similmente a quanto osservato con i prodotti venduti con obbligo di ricetta si osserva un loro picco a marzo.

Questi dati possono essere incrociati con quelli relativi dell’eCommerce per la farmacia.

I dati raccolti dalla rete di Farmakom evidenziano i prodotti più acquistati nel primo semestre del 2020: antistaminico Fexallegra, Enterogermina per la flora intestinale, crema anticellulite Somatoline, Nicorette Gomme per smettere di fumare, Madaus Agiolax Os, Dulcolax e Pursennid contro la stitichezza, Melatonina Zinco Selenio Pierpaoli e Novanight per dormire, Ezimega Plus per controllare i livelli di colesterolo, e integratori alimentari Enterelle Plus 24 e Pilorex.

Il lockdown ha dato una forte spinta all’eCommerce per la farmacia, che già prima stava vivendo una forte crescita affermandosi come un canale importante per potenziare la marginalità del farmacista.

Farmakom è la piattaforma di eCommerce per la farmacia attivabile in 24 ore, che fornisce al farmacista uno strumento completo e facile da utilizzare per vendere online: scopri tutte le funzionalità prenotando la demo con i nostri consulenti.

Articoli correlati

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close