035 080 0074

Professione Farmacista

27 Gennaio 2021

42% delle farmacie fanno parte di reti o catene, ma il farmacista rimane indipendente

reti farmacie

Negli ultimi anni, la farmacia ha affrontato diverse trasformazioni che continuano tutt’oggi: il ruolo del farmacista nella vita dei cittadini e nel Sistema Sanitario Nazionale è cambiato sensibilmente, offrendogli una rilevanza crescente.

Parallelamente, sono cambiati anche i modelli di business e gli strumenti a disposizione del farmacista per organizzare la sua attività, consentendogli di accedere a nuove opportunità commerciali.

Quest’evoluzione è strettamente legata alla diffusione di meccanismi di affiliazione che hanno permesso alle farmacie di entrare a far parte di reti o catene.

Secondo i dati di TradeLab, a ottobre 2020 il 42% delle farmacie italiane faceva parte di una rete o di una catena, un dato che è cresciuto di 3 punti percentuali rispetto al 2019.

Questo dato, però, rappresenta una media che racchiude in sé realtà molto differenti.

Le regioni del Nord e l’Emilia Romagna la percentuale supera il 50%: la medaglia d’oro va al Trentino con 82,5%, seguita sul podio da Valle d’Aosta con 72,3% e Liguria con 66,1%, mentre in fondo troviamo la Lombardia con 52,4%.

Nel Centro, nel Sud e nelle Isole troviamo una situazione più diversificata; se Sardegna, Umbria e Toscana si avvicinano alla media nazionale (rispettivamente 41,5%, 40,1% e 39,2%), Sicilia, Campania, Calabria e Molise hanno la percentuale più bassa con 23,4%, 23,1%, 20,9% e 19,0%.

È anche importante evidenziare che queste percentuali racchiudono fenomeni molto differenti tra loro.

Una catena di farmacie implica l’acquisizione dell’attività da parte di un soggetto investitore, pratica che è stata resa possibile solo con la Legge della Concorrenza del 2017: questa liberalizzazione aveva inizialmente messo in allarme tutto il settore, mettendo di fronte i farmacisti all’ipotesi di una concorrenza impossibile da sostenere contro catene meglio finanziate e con più personale.

All’atto pratico, questi timori non si sono concretizzati in Italia, almeno per ora: nel 2019, solo 400 farmacie erano entrate a far parte di una catena, pari al 2% del totale; si stima che questa percentuale crescerà, ma comunque non supererà il 10% prima del triennio 2022/24.

Il farmacista italiano ha dimostrato che modernizzazione e competitività possono essere ottenute anche attraverso reti senza rinunciare alla propria indipendenza e anzi valorizzandola maggiormente attraverso le risorse e gli strumenti messi a disposizione dal loro network.

Una chiave importante per leggere i dati pubblicati da TradeLab è quindi la crescente necessità di modernizzazione della farmacia: per supportare questo processo, Farmakom mette a disposizione un’ampia offerta di servizi digitali per il farmacista, dall’eCommerce al digital marketing, dall’app all’Intelligenza Artificiale per gestire i canali di contatto.

Unisciti alla trasformazione digitale della farmaciacontattaci per maggiori informazioni.

Articoli correlati

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close